Something about MI

Menu & Search

They can save me

Era una canzone, ora non mi ricordo quale, anche se riesco a canticchiarla. Ed era una canzone sui punti di riferimento. Ora in questo floating di pd, che punti di riferimento, almeno politici, pare che non ne abbiamo piu’, ed in questa immaturita’ emotiva e confusione generazionale, e disordini familiari tipici della nostra generazione, gli unici punti fermi sembrano essere quelli che costruiamo noi. Cosi, quando viaggio, o quando qualcuno si prende la briga di attraversare oceani per venirmi a trovare, capisco che quelli sono i pilastri della mia vita. Capisco che il nocciolo e’ la conoscenza dell’altro, la curiosita’ della scoperta, almeno il mio di nocciolo. E quando riusciamo ad incuriosisci anche qui, nel nostro povero paese, nella mia dolce e antica Roma, presto la delusione invade gli spazi della curiosita’.

Cosi questo we con i ragazzi dello staff di Obama e con la mia amica di Hong Kong e’ stato denso, prezioso, ore a parlare, camminando, di poltiche americane, di come funziona in Italia, di diritti dei gay, di viaggi che non faremo mai e di quelli che abbiamo fatto, ore a fare l’imitazione di Barack e a raccontarci chi fa cosa nel nuovo asset governativo saltando da una mostra ad un caffe’, da un aperitivo ad uno scorcio che ci passo davanti sempre ma non lo vedo mai. E poi quella frase, ma perche’ non vieni a lavorare da noi? Che sono quelle domande che se dette nel momento giusto, nel periodo giusto, possono cambiare le sorti della tua vita. E non bisogna pensarci poi troppo, che se si fanno i bilanci poi c’e’ sempre qualcosa che frena. Bisogna dire la prima cosa che viene in mente, bisogna avere una visione, delle cose, del futuro, del sogno, e scegliere in base a quella visione, per non essere tutta la vita un grigio amministratore della propria esistenza, ma un visionario investitore che ha come mission la felicita’. Quella che sembrava essere sotto il naso e che forse e’ solo un po’ piu’ in la’.

Maura Satta Flores

Napoletana del 1980, anche se Roma è la mia città sin da piccola ed apprezzo Milano. Mi occupo di relazioni pubbliche, al momento ho la responsabilità delle Relazioni Istituzionali di Vodafone Italia e sono nel board di veDrò, network che seguo con interesse ed entusiasmo da molti anni e di cui sono stata vice-presidente.

Post correllati

Una traccia

Una cosa mi è rimasta stampata nella memoria, dell’omaggio di…

Congratulazioni Pier!

Complimenti al mio caro amico Pierluigi Dal Pino che il…

Sopra e sotto il tavolo – film inchiesta

E’ stato presentato ieri a Roma e Napoli il lavoro…

Commenta questo post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Cerca