Something about MI

Menu & Search

Giovani PD & policies

Il 21 ci sono le elezioni dei giovani del PD, io in questo momento sono disgustata, ma davvero.

La politica, e per di piu’ di bassa lega, ha prevalso sulle politiche. Nessuno parla piu’ di politiche, di policies, per il territorio, per le persone, per la comiunita’. Si parla di politica, di correnti, di pizzini, di leadership, e rimango invischiata in questo mood e ne parlo anche io.

Come una nave che affonda su cui si parli del tempo. Va tutto bene signora la Marchesa, ma chi deve essere segretario dei giovani? Raciti il favorito del partito? Innocenti l’outsider? E Latorre? E i pizzini? E Villari si dimette si’, si dimette no? Nel frattempo politici che lavorano a delle soluzioni, a delle idee, a delle proposte ci sono, si’ ma dove sono, sui media? No! Venite fuori!

Il 21 ci sono le elezioni dei giovani del pd. Prenderanno, come in passato e’ spesso successo, vizi e poche virtu’ di questa classe dirigente? Sapranno essere autonomi, saranno sempre cooptati? Saranno liberi o diranno ancora “io non lo posso dire, ma…”.

Io non la voglio questa politica qui, non voglio questo partito bruciato in un anno, non voglio questi rappresentanti che se non mandano foglietti fanno peggio, tramano dietro le spalle e decidono con diktat anche l’ultimo candidato di Sgurgola Marsicana.

Io voglio un partito, possibilmente che faccia delle politiche.

Maura Satta Flores

Napoletana del 1980, anche se Roma è la mia città sin da piccola ed apprezzo Milano. Mi occupo di relazioni pubbliche, al momento ho la responsabilità delle Relazioni Istituzionali di Vodafone Italia e sono nel board di veDrò, network che seguo con interesse ed entusiasmo da molti anni e di cui sono stata vice-presidente.

Post correllati

angoli di un anno

il discorso politico da scuola di politica – la scoperta…

Un tranquillo weekend di politica

Un tranquillo weekend di politica, a tentare di rinnovare e…

Una traccia

Una cosa mi è rimasta stampata nella memoria, dell’omaggio di…

Discussion about this post

  1. pablodocimo scrive:

    e che lo dica tu, giovane come sei, è il dramma più grande! La questione “generazionale” è stato il grande bluff cui molti giovani e giovanissimi hanno creduto…oggi, è un partito che non c’è. Chissà che questa possa diventare un’opportunità di vero cambiamento?!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Cerca