Something about MI

Menu & Search

Bilanci

Chi e’ che non ne fa il 31 dicembre? Chi e’ che non spera in un anno migliore nonostante quel che di buono c’e’ stato.

Il mio anno e’ stato quello del primo capodanno asiatico di Hong Kong, della visita in Cina e del piu’ freddo che abbia mai sentito ad Harbin. L’anno dei cibi strani e l’anno dei cambiamenti. Delle debolezze e dei nervi scoperti, dei durissimi mesi napoletani che mi hanno lasciato un senso di stanchezza che mi sono portata dietro finora. L’anno di Washington DC, l’anno senza vacanze estive e senza mare, delle partenze improvvise, di NY e anche della Virginia, del Maryland, del Winsconsin, dell’Indiana, della favolosa campagna di Obama a Chicago. Il primo anno in cui sono stata davvero sola, sola ad affrontare le cose e a gestirle, sola nei viaggi. L’anno dell’emotivita’. L’anno del grande bluff e della scala reale. L’anno delle proposte rifiutate in nome di un senso di famiglia. L’anno in cui per la prima volta non ho festeggiato il compleanno, mai. Il 2008 trascurando gli amici e leggendo di piu’. L’anno in cui ho riscoperto il mio vecchio amore per il tennis. L’anno in cui avrei desiderato qualche regalo, che non e’ mai arrivato. Il 2008 in cui ho ripreso a scalpitare. Ho ricambiato casa, ho arredato, ho innovato. L’anno del matrimonio in India, della visita in Sri Lanka alla mia tata. Dei molti e nuovi amici scoperti in giro per il mondo. Se vogliamo un anno affascinante, preso, travolgente, ma faticoso, introspettivo, in cui ogni cosa e’ da conquistare, ogni cosa e’ un’impresa, ogni cosa e’ sempre precaria.

Oggi e’ il mio ultimo giorno, di questo strano e molesto anno, che mi ha fatto crescere ancora, che ha contribuito a farmi sentire sempre un po’ piu’ anni di quelli che ho, l’anno che mi ha convinto che molte cose mi annoiano a morte. Come questa serata, come questa farsa di stasera. E da domani, come sempre, ho deciso che qualcosa cambiera’.

Maura Satta Flores

Napoletana del 1980, anche se Roma è la mia città sin da piccola ed apprezzo Milano. Mi occupo di relazioni pubbliche, al momento ho la responsabilità delle Relazioni Istituzionali di Vodafone Italia e sono nel board di veDrò, network che seguo con interesse ed entusiasmo da molti anni e di cui sono stata vice-presidente.

Post correllati

angoli di un anno

il discorso politico da scuola di politica – la scoperta…

Una traccia

Una cosa mi è rimasta stampata nella memoria, dell’omaggio di…

Come si cambia

Da oggi non lavoro più a Reti. Dopo molti anni…

2 Discussion to this post

  1. giuseppe scrive:

    ..sono finito per caso sul tuo blog,partendo da fcb e nn ho potuto nn leggere il bilancio del tuo 2008..veramente un anno intenso..ci si perde nello scorrere la lista di attività interessanti ke hai fatto..mi auguro ke il 2009 sia almeno all altezza del precedente..(anke se nn ci conosciamo)

  2. maurasattaflores scrive:

    grazie giuseppe, interessante di certo, ma emotivamente faticoso.
    Mi auguro che il nuovo possa essere ugualmente brillante ma piu’ felice, e lo auguro anche a te, anche se non ci conosciamo! :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Cerca